Stampa
PDF

Messa a La Verna per Papa Francesco. Omelia dell'Arcivescovo

on 15 Marzo 2013.

Omelia-Arcivescovo-Papa-FrancescoTre segni ci da il libro dell’Esodo nella liturgia di oggi: innanzi tutto il cammino nel deserto, che è un cammino faticoso. È il cammino del popolo di Dio all’uscita dall’Egitto, ma è anche il cammino della Chiesa, non già verso la terra della promessa, ma verso la santa Città di Dio. È un cammino questo, dove il deserto si manifesta con tutta la sua complessità. Noi ci fidiamo di Dio e camminiamo lungo la strada della vita con la voglia di incontrarLo. Tuttavia, nel cammino della vita, così come in quello del popolo di Dio, è facile perdere la strada.

Il vitello d’oro, del 32esimo capitolo dell’Esodo prende tutti i nomi dei miti del nostro tempo: il successo, il potere, la soddisfazione dei sensi, la condiscendenza degli altri, l’applauso, tutto quello che si pone come diverso dall’unico, sacrosanto, vero Dio. In questo rapporto in cui ci si chiede quale senso abbia la fede, la Chiesa ha il dovere di fare come Mosè: pregare per il popolo. Questa è la prima opera di carità. Fare in modo che, attraverso la preghiera, siamo recuperati tutte le volte che andiamo fuori strada. Così come a Mosè, a ogni ministro di Dio tocca di intercedere per il popolo.

Stasera siamo qui pieni di gioia e soddisfazione: la Sede Romana ha un nuovo Vescovo che ha scelto il nome di Francesco. Nella Cappella delle Stimmate, dove ora ci troviamo, tocca a noi renderci conto che questo è il luogo della più splendente delle glorie che capitò mai a san Francesco, ma è anche il luogo del dolore e del misurarsi con la croce. La via della Chiesa è infatti una via segnata dalla croce. Noi andiamo sempre dietro al crocifisso. Ogni volta che il popolo di Dio si mette in moto c’è sempre avanti il segno della croce. Non ci dobbiamo perdere di coraggio, dobbiamo solo ritrovare il Dio vivente e affrettare i passi verso di Lui.

Siamo molto bravi a costruirci immagini e statue di “metallo fuso”, a scambiare la gloria di Dio con le soddisfazioni vane e con il piacere falso delle cose del mondo. Mi piace ricordare sant’Agostino che al decimo delle Confessioni dice: tardi ti ho amato, ho confuso la bellezza delle tue creature, con te creatore, mi sono sbagliato, bisogna ritrovare la giusta via[1].

Questa giusta via si mostra ai nostri fratelli con un atto di vera carità, soprattutto attraverso segni credibili. Ma qual è il segno che ha questa caratteristica? Come deve essere la testimonianza? La testimonianza deve essere data come quella di Giovanni il Battista che del testimone evangelico è una sorta di prototipo, un’immagine esemplare, nelle stesse parole di Gesù. È come un lume che arde e si consuma. Gesù chiede testimonianza di vita ad ognuno di noi nel proprio ruolo, purché ci lasciamo consumare dal tempo e dalla fatica.

Stasera, con questa celebrazione rispondiamo a Papa Francesco che ci ha chiesto di pregare per lui. Sappiamo però che ciascuno di noi può dare testimonianza agli altri solo se ci mette del suo, se si consuma, se accetta la logica del giocarsi per Dio e per i fratelli. C’è bisogno di tanta carità. Il mondo in questo momento è pieno di sofferenze. Mancano le cose necessarie, manca la sicurezza del futuro; manca anche la fede in molte persone, perché non gliel’abbiamo annunziata. Allora riprendiamo coraggio, attorno a Papa Francesco: la Chiesa si muova tutta.

Questa è la prima Messa che celebro per esprimere la piena comunione della Chiesa aretina-cortonese-biturgense con la Chiesa Romana e con il suo nuovo Pontefice. Riusciremo a far sì che i segni esteriori diventino concretezza di vita, nei gesti feriali e nelle opere quotidiane? Il Signore con la sua grazia aiuti il “Servo dei Servi di Dio” – e questo è il più bel titolo che il Vescovo di Roma ha usato per secoli - aiuti Papa Francesco a essere come Mosè, in cima al monte, a pregare e intercedere per questa umanità povera, che ha perso la strada e cerca di ritrovare la luce.              



[1] “Tardi ti ho amato, bellezza tanto antica e tanto nuova, tardi ti ho amato. Ed ecco che tu stavi dentro di me e io ero fuori e là ti cercavo. E io, brutto, mi avventavo sulle cose belle da te create. Eri con me ed io non ero con te. Mi tenevano lontano da te quelle creature, che, se non fossero in te, neppure esisterebbero. Mi hai chiamato, hai gridato, hai infranto la mia sordità. Mi hai abbagliato, mi hai folgorato e hai finalmente guarito la mia cecità. Hai alitato su di me il tuo profumo ed io l’ho respirato, e ora anelo a te. Ti ho gustato e ora ho fame e sete di te. Mi hai toccato e ora ardo dal desiderio di conseguire la tua pace”.

I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information