Stampa
PDF

San Donato, conferito il diaconato a Tommaso Condello

tommaso-condelloSan Donato è ricordato fin dall’antichità per via di quel calice infranto dai pagani, che egli riuscì a rimettere insieme, con la preghiera e con l’impegno. Fece il suo servizio di Vescovo, anche se non gli riuscì proprio trovare quel piccolo pezzo mancante, perché il calice potesse essere completo. La soddisfazione del Vescovo aretino fu di riuscire ugualmente a fare la propria parte. Il calice è la città, la comunità aretina, che, per le discordie ricorrenti, tende sempre a infrangersi in molti pezzi.

Alla Chiesa, e al Vescovo che la rappresenta, toccano le medesime tre iniziative attribuite a San Donato. Occorre puntare sul bene comune, favorire la collaborazione tra le parti, che pur restano diverse, evitando che le rotture danneggino la città intera, soprattutto i più poveriBisogna sostenere con la preghiera, cioè con la dimensione soprannaturale, questo servizio in favore del bene di tutti (…). La terza virtù attribuita a San Donato è quella di non cedere di fronte alle difficoltà: se anche manca un pezzo nella ricostruzione del calice simbolico, si dà lode ugualmente a Dio e si prosegue negli impegni assunti”.

Con queste parole - pronunciate all’inizio dell’omelia della Santa Messa stazionale, celebrata nella Chiesa Cattedrale di Arezzo - il vescovo Riccardo ha sintetizzato il significato profondo dei festeggiamenti in onore del Santo Patrono della Diocesi di Arezzo-Cortona-Sansepolcro e, rivolgendosi al nuovo diacono ordinato Tommaso Condello della comunità di Terontola (44 anni, sposato, medico, originario di Catanzaro), lo ha ringraziato perché il conferimento dell’Ordine sacro del Diaconato permette a tutti di riflettere sul servizio che la Chiesa deve offrire al mondo. 

“Da stasera, Tommaso, ti rendi disponibile ad esercitare il Ministero della Parola per il quale ti sei con sacrificio preparato. Il Signore ti chiama al Ministero della Carità che hai, da molti anni, già praticato. La sua stessa scelta professionale corrisponde alla volontà di essere vicino in modo efficace a chi ha bisogno di aiuto. Già la Teologia della Riforma fissò, per i laici, nel lavoro quotidiano il modo di professare la fede”. 

L’invito continua a tutti i laici: “Abbiamo anche un grande bisogno di Lettori, Accoliti, Ministri Straordinari della Comunione. Ugualmente c’è viva necessità di catechisti, animatori della Pastorale giovanile, animatori della Pastorale familiare, animatori della Carità, animatori missionari e incaricati degli edifici di culto. Tutti siamo chiamati a fare la nostra parte: tra i cristiani non ci sono spettatori”.

 

Il vescovo Riccardo non manca il riferimento al recente Sinodo: “Proprio in questo giorno la Chiesa aretina deve far riecheggiare quanto ha deciso in Sinodo e a rendersi disponibile al servizio alla città dell’uomo. È vero che siamo nel mondo, ma non siamo del mondo; è tuttavia compito dei laici essere promotori del bene comune, nella salvaguardia dei diritti della persona e nell’adempimento dei propri doveri e a diffondere la luce della vita con ogni fiducia e fortezza apostolica. È sommamente necessario che la ricerca del bene comune sia praticata nella formazione delle coscienze, nel ministero dell’insegnamento. Quanto mai urgente appare che i cristiani laici si impegnino nell’ambito della cultura e della comunicazione, nello spirito indicato da Papa Francesco. Occorre tornare ad avere voce autorevole nel dibattito del territorio, in dialogo con tutti i centri di cultura esistenti. A tutta la Chiesa, ma in modo particolare ai laici, è chiesto di essere custodi del Creato, volontari accanto alle persone malate e con particolari fragilitàIl nuovo stile della nostra Pastorale deve potersi avvalere in modo consistente della ministerialità laicale non già soltanto come aiuto, ma perché i laici sono capaci di svolgere ruoli in virtù del Vangelo, che hanno scelto come ideale di vita”.

 

E non si è sottratto ad un deciso richiamo alla responsabilità individuale di ciascuno di noi e a quella degli Enti preposti per favorire il bene comune: “Gli ultimi momenti di difficoltà provocati dagli agenti atmosferici hanno fatto sobbalzare la città, che ha però ritrovato il gusto di essere solidale e collaborativa tra le sue parti. Certo, non basta la buona volontà di molti a risolvere tutto. Occorre mettere mano alle questioni di fondo, che rischiano di essere troppo volte lasciate a tempi migliori, che non arrivano mai. In tutte le parti della nostra società c’è qualcosa di buono. La tendenza ad assolutizzare la propria visione, senza chiedere collaborazione agli altri, rischia di emarginarci nel contesto regionale, giacché vediamo affievolirsi le presenze istituzionali nel nostro territorio. Sempre con buone ragioni di tutti, meno che quelle degli aretini”.

E’ ormai tradizione invalsa che, in occasione della S. Messa stazionale che conclude i festeggiamenti in onore di S. Donato, siano rese note le nomine dei nuovi Parroci della Diocesi e di coloro, sacerdoti e laici, incaricati di ministeri e servizi particolari nella Chiesa diocesana:

 

nuove nomine del Capitolo della Cattedrale di Arezzo

mons. Giovacchino Dallara

Canonico penitenziere della Cattedrale di Arezzo

Reverendi Luca Lazzari, Tomasz Kadziolka, Carlo Cosi Giuliano Francioli

Canonici effettivi del Capitolo della Chiesa Cattedrale

 

nuove nomine per il servizio pastorale nella parrocchie

can. Luca Lazzari

arciprete, parroco delle parrocchie di Terontola, Montanare, Pietraia, Riccio ed Ossaia in Cortona aggregate in Unità Pastorale

vicario foraneo dell’Area Pastorale Cortonese-Castiglionese 3

don Adam Oldachowski 

amministratore parrocchiale della parrocchia di Gricignano e Santa Fiora in Sansepolcro

don Severe Elvery Christel Boukaka 

amministratore parrocchiale della parrocchia di Gragnano in Sansepolcro

don Gianfranco Cacioli

parroco della parrocchia di Olmo e Pievano di Santa Mustiola al Quarto di Arezzo 

don Piero Sabatini 

parroco delle parrocchie di Mercatale e Sant’Angelo di Cortona, aggregate in Unità Pastorale con Terontola

don Antonio Reges Brasil 

vicario parrocchiale nella Cattedrale di Arezzo

don Leonardo Mancioppi

vicario parrocchiale nella Cattedrale di Arezzo

don Henryk Gaber

proposto di Rassina e parroco di Chitignano e Corsalone

vicario foraneo dell’Area Pastorale Casentinese 2 Medio Casentino

don Jairo Pinzon Gualdron

vicario parrocchiale della parrocchia di Pieve Santo Stefano  

can. Mahner Basilio Bakhes

parroco della parrocchia di san Giuseppe Operaio in Sansepolcro

padre Maurizio Granai, ofm Cap 

vicario parrocchiale della parrocchia di santa Croce in Arezzo 

cappellano del Cimitero monumentale urbano

padre Luigi Ruggiero, ofm Cap

parroco della parrocchia di Torreone in Cortona

don Danilo Ferreira da Silva

vicario parrocchiale dell’Unità Pastorale delle parrocchie di Monsigliolo, Montecchio e Rinfrena in Cortona 

don Daniele Leoni

parroco della parrocchia di Cesa

don Denis Tkachev

amministratore parrocchiale delle parrocchie di Mercatale Valdarno e Nusenna

don Luigi Buracchi

arciprete di Rigutino

don Alessandro Bivignani

proposto di San Bartolomeo in Anghiari

parroco delle parrocchie di Catigliano, Gello, Tavernelle e Toppole in Anghiari

vicario foraneo dell’Area Pastorale Valtiberina 2

don Manoj Georgekutty Meppurathu

amministratore parrocchiale delle parrocchie di Alberoro e Montagnano

 

nuove nomine per il servizio nella Curia Diocesana

can. Carlo Cosi

Cancelliere della Diocesi 

don Leonardo Mancioppi

vice cancelliere della Diocesi

dottor Marco Rossi

direttore del Centro per la Pastorale sanitaria

avv. Marco Randellini

direttore del Centro Pastorale per il lavoro

dottor Domenico Alberti

direttore del Centro Pastorale per il laicato

padre Antonio Airò

direttore del Centro Pastorale per la consulta diocesana delle aggregazioni laicali

don Virgilio Annetti

responsabile della Sala di Consultazione dell’Archivio Storico della Diocesi

 

E’ stata eretta la Fondazione di religione e di culto denominata Fondazione Amoris Laetitia, per i primi sei appartamenti per giovani coppie, dono di papa Francesco.

 

Alla celebrazione nella Chiesa Cattedrale hanno partecipato i sacerdoti della Diocesi e, per sottolineare l’universalità della figura di san Donato e lo spirito ecumenico, proprio della nostra Diocesi, non è senza significato che abbiano partecipato alla celebrazione eucaristica anche rappresentanti di altre confessioni, tra cui: il proto presbitero della chiesa di Costantinopoli padre Octavian Tumuta della Chiesa ortodossa romena di San Giovanni Battista in San Bartolomeo ad Arezzo, padre Oleksander Volodymyrovych archimandita della Chiesa Russa Ortodossa, padre Thomas della chiesa ortodossa indiana e vari laici della chiesa ortodossa ucraina, serba e russa. 

I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information