Stampa
PDF

La diocesi si prepara alla visita di Benedetto XVI

papa-benedetto-xviIniziative in favore delle famiglie in difficoltà, rafforzamento del gemellaggio con Gerusalemme, pubblicazioni sui protagonisti del cattolicesimo aretino del '900, valorizzazione dei consigli pastorali parrocchiali. Sono solo alcune delle linee guida indicate dal Consiglio Presbiterale per prepararsi al meglio alla visita del Santo Padre.

Il Consiglio Presbiterale riunito in Assemblea presso il nostro Seminario ha espresso viva gratitudine al Santo Padre per il dono straordinario della Visita Pastorale ad Arezzo, La Vernae Sansepolcro e ha proposto alla Chiesa diocesana di prepararsi all’evento attraverso il programma che viene di seguito indicato.
  1. Annuncio, catechesi, evangelizzazione
    1. La nostra diocesi è impegnata, in questo anno pastorale nella formazione per far riscoprire l’identità battesimale e la vita secondo lo Spirito nella Chiesa diocesana: in preparazione alla visita pontificia si chiede uno straordinario impegno perché quanto proposto dai Centri Pastorali venga seguito e partecipato da tutte le Comunità Parrocchiali, dalle Associazioni e dai Movimenti.
    2. Per favorire una rinnovata partecipazione attiva dei fedeli valorizzare in ogni parrocchia i Consigli Pastorali e avviare un cammino per crearli dove ancora non esistono.
    3. Per promuovere una maggiore aggregazione delle comunità ecclesiali costituire in Vicariati Foranei le Aree Pastorali individuate dalle consultazioni del Clero.
    4. Per far riscoprire meglio la nostra identità collettiva, attraverso la realizzazione e la pubblicazione di brevi biografie di cristiani significativi della nostra Chiesa nel ‘900, recuperare la storia, la memoria delle esperienze di fede e di testimonianze di carità.
    5. Ripresentare la ricchezza dei carismi che animano la nostra realtà ecclesiale.
    6. Valorizzare la Benedizione delle famiglie quale occasione di annunzio e di preghiera per la visita del Papa. Verrà distribuita la  lettera che il Vescovo prepara per l’evento.

 

  1. Celebrazione e animazione della liturgia
    1. In vista di una “celebrazione esemplare” del 13 maggio, cioè viva, partecipata e significativa per la nostra Chiesa, occorre che tutto il presbiterio diocesano e religioso, assieme al popolo, si metta in interiore cammino per prepararsi ad un evento che è dono dello Spirito.  Si chiede che vi sia piena disponibilità ad accogliere  le indicazioni e i sussidi per lo svolgimento della celebrazione col Papa.
    2. La novena e la Festa della Madonna del Conforto e le stazioni quaresimali saranno orientate alla preparazione del grande momento ecclesiale del prossimo maggio.
    3. In omaggio alla tradizione benedettina camaldolese che ha animato gran parte della nostra evangelizzazione, si chiede di riprendere l’uso della preghiera quotidiana con il salterio.

 

  1. Testimonianza del Vangelo della carità
    1. Intensificare il gemellaggio con Gerusalemme:  pellegrinaggi e  gesti di carità che le singole comunità sono invitate a realizzare.
    2. Le Caritas parrocchiali vengano promosse in ogni parte della nostra diocesi, per rispondere sempre meglio alle necessità dei poveri della nostra Chiesa.
    3. Orientare la quaresima alla promozione del volontariato, secondo le indicazioni della Caritas diocesana.
    4. Proporre come segno concreto di carità una raccolta straordinaria nella quaresima per le famiglie in difficoltà economiche

Primo Piano

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10

I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information