Stampa
PDF

Visite Pastorali dal 1521 al 1571

Copertina-IIra cura di don Silvano Pieri e don Carlo Volpi
 
Editore: Servizio Editoriale Fiesolano
Collana: Studi e documenti
Anno di pubblicazione: 2008
Pagine: 544
Prezzo: 30 euro
Formato: Illustrato, brossura
Codice ISBN: 88-87368-55-4
Informazioni e acquisto: Archivio Storico Diocesano, 0575.26.552,  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

Secondo volume della collana dedicata alle visite pastorali nel corso della storia della Diocesi. In questo volume vengono trascritte le visite pastorali  fatte dal 1521 al 1571, al tempo  dei vescovi  Francesco Armellini, Francesco e Bernardetto  Minerbetti. Queste visite si trovano nell’archivio della diocesi  di Arezzo (ACVA), segnate  con Visite 1; 2; 3a; 3b; Libro delle Visite  della Badia delle sante Flora e Lucilla di Arezzo.

Visite 1 - Contiene le visite più antiche della diocesi di Arezzo; alla fine ci sono state legate carte ritrovate in un secondo tempo, tra le quali alcune carte del 1535 che contengono  parte di una visita alla Cattedrale di Arezzo, alla Val Cerfone, ad  Anghiari. 

Visite 2 - Questo volume è stato compilato da Tommaso Romani, notaro di curia per moltissimi anni, ricopiando diligentemente quanto esisteva nell’archivio della curia aretina dal  1521 al 1558; di alcune di queste visite ne è stato anche il notaio. La grafia è spigolosa, molto particolare, a volte di difficile lettura, non sempre corretta la forma latina. Ci sono riportate le visite di quasi tutta la diocesi, di alcune zone ci sono relazioni di visite successive (cfr. sommario finale), non sempre in ordine cronologico. Le visite sono state effettuate prevalentemente dai vicari generali Bartolomeo de Sanctis o Xantio, Enrico  Hormanno e Ugolino Zaffirini. Alcune  visite  sono degli abati della Badia delle sante Flora e Lucilla di Arezzo.

Visite 3a - Relazione delle visite 1561- 1571, scritta  dal notaro  Mazzi Girolamo  che seguiva personalmente  i visitatori e sembra essere stato quasi sempre presente. La grafia è pessima, imprecisa, le finali  a volte solo accennate, non sempre il sostantivo  è concordato con l’aggettivo, l’accusativo  di alcuni nomi è al neutro o al maschile “missale/missalem, altare/altarem” etc.

Visite 3b - “Quadernus in quo ego Hieronimus...”, nel restauro del pezzo, ove erano  contenute anche le visite di Francesco di Montepulciano e del vescovo Acciaioli, il “quadernus” è stato rilegato  a sè;  riporta parte di una visita del  1563-64, scritta dal notaro Girolamo Mazzi, in bella grafia. Libro delle Visite, ACA, Reg. Parr. Badia - Giunto nell’archivio  di curia all’inizio  del 1800, forse insieme  alle pergamene e ad altri pochi manoscritti, tra cui  la Synopsis ad usum Scarmagli, contiene le visite fatte dagli abati di Badia alle chiese che dipendevano dalla Badia stessa.

I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information